Il controllo della sciamatura

La sciamatura è la manifestazione dell’istinto di conservazione e riproduzione delle api.

Una famiglia decide di sciamare quando persistono le condizioni più favorevoli per farlo: prossimità di una fioritura, clima caldo e sereno, raggiungimento dell’apice dello sviluppo della famiglia… ecc.

Durante la sciamatura la regina vecchia lascia l’arnia e si porta dietro una grande quantità di api cariche al limite delle loro possibilità di miele (20.000 – 30.000), di norma si tratta di quelle più adulte. Così facendo il ceppo rimasto risulta molto indebolito e ne consegue che la produzione di miele dello stesso ne risulta compromessa. Al contrario lo sciame partito risulta molto laborioso, ma consuma la maggior parte delle sue risorse per ricreare la propria nuova famiglia. La sciamatura se da una parte è un bene per la natura perché rappresenta il riprodursi della vita, dall’altra non è certo il massimo della fortuna per l’apicultore. Per questo motivo è una buona regola per lo stesso cercare di contenerla.

Contine reading