Allarme varroa, il bollettino di giugno 2014 rileva un alto tasso di infestazione

Senza titolo-3I dati sono sono stati rilevati con il metodo dello zucchero a velo, su 598 alveari, dislocati in 59 comuni italiani, nel periodo 10-21 giuno 2014.

Livelli di infestazione
L’infestazione rilevata si attesta in media sull’1,93%, molto vicina alla soglia di trattamento
del 2% e più del doppio dell’infestazione media rilevata nel giugno 2013 (0,82%).

Solo il 44,4% degli apiari ha mostrato un livello di infestazione sotto la soglia “di sicurezza”
dell’1%, nel 2013 erano l’83,3%

Oltre un terzo (36,1%) degli apiari hanno già superato la soglia di trattamento del 2%, mentre nel 2013
erano solo il 7,3% Contine reading

MAQS Antivarroa: Pubblicato il Decreto del Ministero Salute

FAI_Maqs_Antivarroa--ll nuovo formulato MAQS ad azione acaricida, a base di acido formico, ha finalmente ottenuto la cosiddetta “AIC”, ovvero l’autorizzazione all’immissione in commercio come medicinale per uso veterinario. E’ quanto stabilito dal Decreto n. 63, del 5 giugno 2014, entrato in vigore il 20 giugno 2014, data della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 140 della Repubblica Italiana. Contine reading

Presto disponibile nuovo antivarroa a base di acido formico

20140611_maqsIl MAQS – Mite Away Strips Quick – è un preparato in strisce (di amido e zucchero, quindi biodegrabili) con acido formico in gel, è stato predisposto da una ditta canadese, la Nod, che si avvale della collaborazione della multinazionale BASF, mentre la Filozoo di Carpi ne cura la distribuzione in Italia.

Unaapi e Fai hanno congiuntamente sollecitato la massima possibile sollecitudine nel disbrigo delle procedure autorizzative.

Considerate le note e accertate difficoltà/effetti avversi variamente verificati nell’uso di acido formico, Unaapi si impegna a cercare di comprendere se e come è utilizzabile nel contesto italiano questo preparato. Contine reading

Vergognoso servizio del TG5 sulle api!

 

TG5Sono rimasto profondamente amareggiato e infastidito da un servizio andato in onda nell’edizione del TG5 la sera del 27 maggio alle ore 20:00, in cui si parlava di alcuni sciami di api che avevano deciso di fermarsi per un brevissimo periodo nel centro delle città di Bologna e Napoli.

Gli sciami di api sono stati definiti, dalla giornalista, giganteschi, impazziti, e fuori controllo visto che si sono abbattuti su scooter, auto, finestre dei palazzi attaccando chiunque intralciasse il loro percorso. Le api in questione sono state inoltre descritte come pericolose per il loro pungiglione e perché sarebbero portatrici di malattie dannose per l’uomo.

Contine reading

Cosa succede se si estinguono i bombi

Immagine

di CHIARA BORACCHI

Non solo le api rischiano grosso. Secondo notizie che giungono dagli Stati Uniti, anche i bombi, insetti imenotteri della stessa famiglia delle più note produttrici di miele, starebbero morendo a migliaia causando gravi danni alle coltivazioni.

Per questo, un gruppo di ambientalisti della Xerces Society, un’organizzazione dell’Oregon che si occupa della salvaguardia degli invertebrati, ha intentato una causa contro il Dipartimento per la Pesca e la Conservazione della natura statunitense, chiedendo di inserire questi insetti nella lista delle specie in via d’estinzione. Contine reading

Brindisi: sequestrati 8.000 kg di miele

20140506_sequestro_mile_brindisiIl 2 maggio, grazie ad un intervento della Guardia di Finanza con la collaborazione con l’Ufficio delle Dogane del porto di Brindisi, è stato sequestrato un carico di miele contraffatto.

Il miele era stivato su un camion bulgaro appena sbarcato da una nave proveniente dalla Grecia. Dal controllo della documentazione commerciale affiancata alla merce, i militari hanno accertato l’origine bulgara del miele, mentre i contenitori del prodotto riportavano i loghi di una nota industria dolciaria italiana e non riportavano le indicazioni precise e obbligatorie sull’origine del miele sufficienti ad evitare qualsiasi fraintendimento del consumatore sull’effettiva provenienza del prodotto. L’intero carico, confezionato in 800 recipienti per un totale di 8 tonnellate di miele e’ stato subito sequestrato e sarà presto analizzato. Contine reading

IL PARLAMENTO EUROPEO APPROVA IL ”MIELE OGM” CONTENENTE POLLINE GENETICAMENTE MODIFICATO ! BOICOTTIAMOLO!

ar_image_2875_lSTRASBURGO – Il polline geneticamente modificato deve essere etichettato solo se la sua presenza e’ superiore allo 0,9% del miele in cui si trova, in quanto e’ da considerare una sua componente naturale e non un ingrediente.

Lo ha deciso l’Assemblea europea con un voto definitivo sulla base di un progetto di regolamento gia’ informalmente concordato con la Commissione e il Consiglio dei ministri Ue.

Di fatto – precisa il Parlamento – si continua ad applicare l’attuale legislazione Ue in materia di etichettatura. La decisione e’ stata controversa in quanto approvata con 283 voti a favore, 248 contrari e 45 astensioni. Contine reading